Diario/ Greenery mood/ Primi piatti/ Salato

Corone rigate al pesto di 5 erbe, nocciole e anacardi

 
 

E’ da qualche giorno che ci penso.Ti arrivano mail, arrivano commenti.

E mi faccio delle domande.

Forse sono io che sono scema.

Forse potrei sfruttare meglio ‘sto cacchio di blog.

Ché sono anche senza lavoro e qualche soldino in più e mica ci fa schifo.

Forse potrei anch’io correre qua e là in cerca di follower.

Magari unirmi a gruppi di scambio commenti per aumentare le visite.

Accettare proposte di aziende un po’ così, discutibili, giusto per avere un po’ di cose gratis, tanto poi ci metto un link e chisseneimporta.

Si. Potrei.

Ma anche no.

Sia chiaro, non ce l’ho con le collaborazioni.

Quelle con aziende di un certo spessore le valuterei pure io, chiariamo.

Anche se, confesso che i blog pieni zeppi di pubblicità e link a destra e a manca un po’ di ansia me la mettono e me ne vengo via quasi subito, ché mi sembra vogliano impormi qualcosa.

Ma ognuno fa ciò che desidera a casa sua.

E, come in tutti gli ambiti, anche tra i blog, c’è spazio per tutti e piena libertà di espressione.

Io a casa mia ho scelto di essere semplicemente quello che sono nella vita.

E la mia vita mi piace pensarla come un bellissimo viaggio, che cerco di vivere con molta riconoscenza.

E che, secondo me, tutti, dovremmo vivere con una profonda etica e coerenza verso noi stessi e verso il prossimo.

Etica secondo me è rispetto, verso le persone e verso il mondo in cui viviamo.

Etica è amore verso l’altro.

Etica è non raccontare balle.

Etica è fare quello che fai con passione e coerenza.

Etica è fare le cose non esclusivamente per tornaconto, ma perché ci credi, perché hai dei valori.

Ecco, io senza etica e coerenza non potrei vivere.

Mi ci ha tirato su a pane, etica e rispetto il mio papà.

Ah! Poi ce n’è pure un’altra di parolina importante per me, CREDIBILITA’.

Riflettendo su queste cose, sono andata a cercare il post che ha scritto Chiara Maci circa un anno fa, per rileggerlo.

L’ho adorata in quel post.

Se non lo avete letto, vi invito a farlo, ne vale la pena, qui.

Eh, lo so, oggi sono un po’ rompipalle, portate pazienza…ogni tanto mi capita.

 

Ricettina? Si dai!

 

CORONE RIGATE AL PESTO DI 5 ERBE, NOCCIOLE ED ANACARDI

Ingredienti:

350 g corone rigate (trafilate al bronzo)

Menta fresca qb

Origano fresco qb

Basilico fresco qb

Timo fresco qb

Maggiorana fresca qb

1 spicchio aglio

Nocciole tostate qb (una manciata ca.)

Anacardi qb (una manciata ca.)

Parmigiano Reggiano qb

Sale rosa dell’Himalaya qb

Pepe qb

Olio EVO qb

Pomodori datterino qb

 
 

 

foto di Roberta Morasco © Facciamocheerolacuoca? 
 
 
 

Lavate velocemente le erbe aromatiche sotto l’acqua corrente ed asciugatele tamponandole leggermente.

Tritatele nel mixer con lo spicchio d’aglio (privato dell’anima), il Parmigiano, l’olio EVO, le nocciole, gli anacardi, il sale ed il pepe.

Lavate i pomodori datterino, e riduceteli a dadini, eliminando i semi (brunoise, concassé…si fa più figo, ma va bene anche dadini).

Lessate la pasta in abbondante acqua salata, (tenete un po’ di acqua di cottura) scolatela al dente e saltatela velocemente con il pesto, aggiungendo poca acqua di cottura per dare cremosità.

Servite decorando con i pomodori a dadini.

Un giro d’olio EVO, e via!

Pronta da gustare.

 

roby-antracite-300x75

 

You Might Also Like

49 Comments

  • Reply
    monica pennacchietti
    2 ottobre 2013 at 23:54

    L’ho fatto per un periodo.Perche’ lo sai,io sono il tipo del “devo provare”.Ho collaborato,ho scritto mi sono stufata.E ho capito che voglio scegliere.E allora ho scelto due o tre loghi.Perche’ mi lasciano libera.Non mi obbligano,non chiedono.Nonostante questo leggo i post pubblicitari se ben fatti…..anche perche’ riguarda un po’ il mio mestiere.Ho forti peplessita’ di fronte a reclame di coppette mestruali,coni per fare la pipi e acque minerali.Non capisco attinenze e competenze.Pero’ ho conosciuto ragqzze che vivono per questo perche magari agli occhi del marito…devono portare quqlcosa a casa.Almeno giustificano e legittimano la loro presenza al pc.E allora alla fine rispetto ogni individualita` e pensiero.E mi tengo la mia liberta’ insieme al tuo piattino di pasta.Mi perdonerai ma agli anacardi non resisto.In tutte le salse:-) baciiiiiiiii

  • Reply
    Anastasia
    3 ottobre 2013 at 0:48

    Roberta, rompiballe dici???
    Ma quando mai, se ti adoro! e mica solo io!
    Potrei averla scritta io questa prefazione al post, tale e quale senza spostare nemmeno una virgola! E per farti capire quanto io sottoscriva ciò che dici, basta leggere quello che ho scritto nella header del mio blog! Ecco è il riassunto della tua prefazione!
    Sai una cosa? Ho notato che “immergendosi un pò troppo” in certi gruppi e facendo troppa vita virtuale si perde un pò il senso.. almeno per me, che sono sensibile è un pò così!
    Allora ho deciso di tenermi più alla larga e poi un pò mi spiace, ma coltivare di più i nostri sogni, spendere le energie per raggiungere i nostri obiettivi invece di “osservare” troppo ciò che altri fanno, mi ha fatto bene al cuore!
    La nostra vita è una dobbiamo viverla al meglio di come riusciamo e crediamo essendo noi stessi il più possibile! E’ ciò che ti auguro con tutto il mo cuore Roby, siii felice e tutto il resto verrà di conseguenza!
    Un mega abbraccio! ^__^ Any

  • Reply
    annaferna
    3 ottobre 2013 at 6:19

    ciao Roberta
    resta sempre così, la penso come te su quello che hai scritto e finchè resterò in questo mondo virtuale dei blog resterò la persona semplice che traspare dalle “pagine” del mio diario di ricette.
    Belle foto gustosa ricettina
    ti abbraccio

  • Reply
    Damiana
    3 ottobre 2013 at 6:29

    La stima tra alcune blogger non nasce a caso,è fatta di incontri quotidiani o meno frequenti,che ogni volta ti lasciano qualcosa in più di quella persona.A volte non ci si incontra per diverso tempo,ma quella persona è sempre lì nella tua mente e la prima cosa che senti è la stima che provi.Vorrà pur dire qualcosa!I tornaconto per alcuni è ragione di vita,per me sarebbero solo un cappio al collo,ho scelto la libertà anche nel mio blogghino e penso si intuisca!Un bacione tesoro,mentre ti ricordo la mia stima…ma forse non ce n’è bisogno,la credibilità potrebbe essere l’indirizzo della tua casina!

  • Reply
    Damiana
    3 ottobre 2013 at 6:36

    E pensavi mi fossi dimenticata delle corone rigate?si le ho un pò tralasciate presa così tanto da quello che dicevi,ma ti assicuro che le immagino buonissime con tutti quegli odori,degne coroncine per una bella regina…..ma non di quelle superbe eh!

  • Reply
    m4ry
    3 ottobre 2013 at 6:47

    Condivido tutto ciò che hai scritto, i tuoi pensieri sono stati e sono i miei…precisi precisi…
    In ogni caso, ritengo che anche in questo mondo virtuale tutto giri un po’ come nel mondo reale…in fin dei conti, dietro questi blog ci sono persone. “Conoscenze”, “amicizie” giuste, “giuste collocazioni geografiche”, fanno tanto..ma non importa. Non importa perché io sono felice di essere così, e sono felice che tu sia così. Facciamo tutto ciò in cui crediamo veramente, siamo libere..ed è bellissimo ! Ti abbraccio amica <3
    Hai preparato un piatto di pasta spettacolare !

  • Reply
    Roberta
    3 ottobre 2013 at 7:13

    anche a me capita spesso di pensare a questo aspetto dei blog e, oltre a ringraziarti per il rilancio al post di Chiara Maci che mi ero persa, condivido in toto il tuo punto di vista. In quanto alla ricetta era un po’ che cercavo un condimento con le erbe aromatiche ma nessuno di quelle che avevo trovato mi soddisfaceva … questa inveve mi sa che finirà sicuramente sulla nostra tavola.

  • Reply
    edvige
    3 ottobre 2013 at 7:36

    Sono pienamente d’accordo su quanto dici riguardo la pubblicità vera e propria come collaborazioni ecc. per avere qualcosa di più come anche un compenso che però poi a parte gli omaggi si rileva pochino. C’è tutto un sistema col passa parola per riuscire a ricevere qualche compenso in più. Ho quasi 70 il blog mi piace ai soldini come pensionata non ci sputo sopra ma, non voglio ne collaborazione e ne pubblicità. Dopo aver lavorato per 40 anni voglio essere libera e non soggetta a fare ricette (non sono food blogger) che ogni ingrediente porta ad un link. Ma, avere etica lo si ha comunque in quanto anche quelle che accettano sono persone di tutto rispetto perchè anche le scelte altrui devono essere rispettate: l’etica è anche questa.
    Chiara Maci, come la Peronaci sono arrivate dove sono perchè hanno deciso che questo doveva essere il loro futuro. Grazie al grande avvento culinario televisivo di quest’ultimo periodo con la tv invasa da cuochi, ricette, trasmissioni come masterchef, reality con Borghese e non solo, Chef programmi simili a masterchef con chef come Cracco, Oldani, La mantia, ecc. sono giunte anche loro come giudici alla ribalta. Prima se non eri in un blog culinario o non seguivi questo settore nessuno le conosceva io da quando ho aperto il blog dal 2009.
    Scusa se mi sono dilungata puoi benissimo depennare il commento ma quanto scrivi mi ha colpito perchè in sintesi rispecchia anche il mio IO, infatti non ho alcuna pubblicità.
    La ricetta è favolosa mi piace l’accostamento del condimeto alla pasta brava e grazie per tutto. Buona giornata.

  • Reply
    Babe - La Cucina di Babe
    3 ottobre 2013 at 7:45

    Credo si tratti semplicemente di come si affrontano le cose nella vita.
    Ci sono persone che cercano scorciatoie, cercano di trovare le vie facili ed immediate che spesso però ti portano fuori strada.
    Si sa che per ottenere risultati buoni e duraturi ci voglia lavoro duro e costante. Si deve essere determinati ma soprattutto coerenti.
    Cosa così rara a questo mondo.
    Ed il resto già lo sai…che te lo dico a fare dicevano in un film.
    Rimanere sé stessi ed ancorati ai propri principi è la cosa migliore da fare e, a mio avviso, più bella.
    Un abbraccio gigante bella donna.

  • Reply
    Limone Stracciatella
    3 ottobre 2013 at 8:30

    Non sono per le scorciatoie. Non lo sono soprattutto se ciò significa mentire. Mentire agli altri, ma prima di tutto a me stessa. Se una cosa non la tocco con mano non la valuto neanche. Sono cresciuta come te, a pane ed etica. Etica principalmente nei miei confronti. Perché se una cosa non fa stare bene me, dubito potrà farlo con gli altri. Anche se magari a breve termine le cose potrebbero sembrare diverse, i veri risultati si ottengono sul lungo periodo. E con il duro lavoro! Ecco, sono cresciuta a pane, etica e duro lavoro! Perché se non c’é fatica non c’é ricompensa! E quale ricompensa migliore di un bel piatto di pasta come questa dopo una giornata di duro lavoro?? Ti abbraccio, così rompiballe come sei :))

  • Reply
    eli
    3 ottobre 2013 at 9:00

    Pensavo di essere un po’ snob. Si io snobbo le collaborazioni, i concorsi, le raccolte, le promozioni…tutto ciò di cui si nutrono molti “blog di cucina” (ebbasta co ‘sto foodblog!!…parliamo italiano!)
    A dire il vero il mio poi…non è neanche un vero blog di cucina, è un po’ un mischione! Ma è così, sono io!
    Mi hai fatto riflettere, non sono snob, sono coerente! Coerente con lil mio pensiero confusion-creativo.
    Forse, dico forse…potrei accettare una collaborazione con…chessò io… Jamie Oliver?
    Uahuahuahuahuah! (più probabile che mi colpisca un meteorite!)

    Il pesto agli aromi, me lo copio subito, anche perché nell’orto ormai mi sono rimasti solo quelli ehehehehe!

    Ciao amica cara, buona giornata <3

    p.s. un in bocca al lupo affinché tu trovi quel lavoro creativo che desideri 😉

  • Reply
    Chiarapassion
    3 ottobre 2013 at 9:03

    Roberta non potevi usare parole migliori per descrivere questo mondo, anche io la penso come te “a casa mia ho scelto di essere semplicemente quello che sono nella vita” e per avere dei risultati buoni, come in tutte le cose, bisogna lavorare bene ed essere se stessi sempre.
    Grazie per il link del post di Chiara Maci…parole sacrosante.
    Un grande bacio
    Enrica

  • Reply
    Dani
    3 ottobre 2013 at 9:36

    Uno dei motivi per cui mi piace tanto il gruppo delle Blogalline è che nessuna di noi rientra nell’ambito della categoria che cerca visibilità ad ogni costo. Hai ragione quei blog pieni zeppi di pubblicità per quanto mi riguarda perdono di credibilità! Se trovo da voi un consiglio su di un determinato prodotto so che voi ci credete in quel consiglio, mantre i blog che pubblicizzano di tutto e di più chiaramente non sono credibili! Oltre al fatto che la “visibilità” non ti cambia la vita, ma la sua affannosa ricerca ti fa apparire (almeno ai miei occhi) abbastanza ridicola…
    Ma parliamo di cose più interessanti e cioè di questo pesto! Ma che bella idea farlo con questo mix! Dal titolo pensavo fossero erbette di campo, non mi aspettavo erbette aromatiche. Lo voglio proprio provare (anche perchè a differenza delle erbette di campo queste le trovo giù… nel giardino del vicino… sì sono scroccona… :P).
    Tanti baci

  • Reply
    Valentina
    3 ottobre 2013 at 9:41

    Ciao Roby 🙂 Beh.. ne abbiamo parlato… anche io penso che le parole chiave siano etica, rispetto e libertà. Non tutti la pensano così e amen, ce ne faremo una ragione… ma che non vengano a rompere le scatole, no?! 😉 Accetto collaborazioni con aziende in cui credo, che conosco già o che voglio conoscere meglio, prendendomi la libertà, appunto, di rifiutare se qualcosa non mi piace o non mi sta bene. Credo che “i follower” siano persone e non semplicemente numeri, così come credo che la superficialità e la quantità non paghino mai nella vita. E ringrazio il Cielo perché il blog mi ha permesso di conoscere persone speciali, vere e profonde come te. Questa pasta mi piace da matti, sarà presto sulla mia tavola! 😉 Un abbraccio immenso, buona giornata! :**

  • Reply
    Federica
    3 ottobre 2013 at 9:52

    Altro che rompiballe Roby!!!
    Condivido in tutto e per tutto quello che hai scritto e forse è anche per questo che a volte mi prende la “crisi da blog” e me ne sto alla larga.
    I primi tempi venne anche a me la tentazione delle collaborazioni, a vedere in giro blog che ne avevano così tante mi sentivo quasi una “sfigata” ma a posteriori sono contenta di essermi ravveduta e di non aver ceduto alla tentazione. Ne ho una sola, con la Bronsugar, di cui sono contenta perché trovo che i loro zuccheri siano molto buoni e non ho modo di trovarli in giro e tutto sommato, sfornando dolci in continuazione, mi lasciano “libera”. Sì, perché quello di cui ho bisogno nel blog è di sentirmi LIBERA, libera di cucinare quello che voglio, quando voglio, con gli ingredienti che voglio, non perché devo far pubblicità alla scatoletta “X”.
    Di costrizioni nella vita ne ho fin troppe, almeno un angolino di respiro me lo tengo stretto 🙂
    Ma che accoppiata è il tuo primo? Tra quel pesto profumatissimo, gli anacardi che adoro (toglimi il sacchetto da davanti che le finisco in 2 minuti!) ed il formato di pasta che non avevo mai visto prima…non è che aggiungi un posto a tavola per pranzo? Un bacione, buona giornata

  • Reply
    Valealcioccolato
    3 ottobre 2013 at 10:13

    Concordo su tutta la linea Robi! Impossibile darti torto 🙂
    E complimenti per questa pasta, meravigliosa :*

  • Reply
    Vaty ♪
    3 ottobre 2013 at 10:35

    GRANDE ROBY.
    oggi la penso come te. Manco a farlo apposta..
    E SAI LA COSA TRISTE? Che sono andata sul link della Maci e..in fondo ai commenti, volevo scrivere il mio parere..
    Indovina chi ho trovato a lasciare la propria “traccia”??? ……….!!!!!!!!!

  • Reply
    monica zacchia
    3 ottobre 2013 at 10:40

    mai fatto Roby e non per scelta ragionata piuttosto per istinto anche da appena nata tentavo di mettere adsense e poi quando sbucava uno spot nel mio blog mi prendeva malissimo, e mi cancellavo subito. Figurati se lo faccio ora che con gli anni un pò più di consapevolezza l’ho acquisita. Ti posso dire che a me piaci così anche io quando arrivo in quei blog pieni di pubblicità scappo via subito, senza nessuna critica per chi decide di farlo. Ma la categoria delle foodblogger ne risente parecchio. Per questo a Cagliari pensavamo di aver dato una svolta a questo modo di considerare i blog! Hai scritto ciò che io penso e insieme al poster uguale c’abbiamo anche l’etica dei papà tvb cara Roby. un bacio forte! mony***

  • Reply
    laura
    3 ottobre 2013 at 10:41

    Ti ho scoperta solo ora grazie a Vaty, ma le tue parole mi sono piaciute moltissimo e non da meno anche la tua ricetta, che proverò certamente! 🙂
    un bacio

  • Reply
    La cucina di Esme
    3 ottobre 2013 at 11:07

    nella mia vita lavorativa, ci sono troppi paletti, strade troppo rigide da percorrere, il mio blog è il mio rifugio segreto, il mio ricettario per le amiche o per mia figlia quando sarà grande, pura passione e piacere di condividere. Per ora non ho collaborazioni e non ne cerco e potrei forse accettarne solo se le aziende che si propongono accettassero a loro volta il fatto che farei loro pubblicità solo DOPO aver provato i loro prodotti e solo nel caso li trovassi realmente da consigliare. Non so quante aziende accetterebbero, ma io sono così. Ho costruito tutta la mia vita vulla credibilità, la lealtà e la sincerità e non vedo perchè nel mio spazio virtuale dovrei far vedere un’altra faccia.
    Bacioni
    Alice

    PS Ottimo questo pesto!

  • Reply
    Letizia Cicalese
    3 ottobre 2013 at 11:30

    Sante sante santissime parole!
    Concordo appieno. E che buonissima ricettina 😉

  • Reply
    sandra liccioli
    3 ottobre 2013 at 11:59

    Roberta. Roberta Roberta Roberta! anch’io sono cresciuta a pane e etica. e sono perfettamente d’accordo con te, non mi compri con una pastiglia per il lavastoviglie. perchè, come dici sempre tu, il blog è casa mia,solo mia e LI’ posso fare quello che mi pare sia più giusto. i tempi stanno maturando per le blogger italiane.
    grazie per questo post.
    Sandra

  • Reply
    Federica Simoni
    3 ottobre 2013 at 13:23

    Roberta sono d’accordo con te, poi ognuno fa quello che gli pare, io quello che sono nel blog e su fb sono anche nella vita, me stessa.
    Adesso però mi fai un bis di questo piatto gustoso perchè mi strapiace!!buon pomeriggio!

  • Reply
    Cristiana Beufalamode
    3 ottobre 2013 at 14:07

    Meno male che Vaty ti ha nominata: altrimenti mi sarei persa questo post che condivido al 100% e credo di averlo espresso più volte. Per me il blog è uno spazio di libertà, in cui non voglio stressarmi se non ce la faccio a postare una ricetta o se non ce la faccio a far visita agli altri…trasformandolo in lavoro perderebbe gran parte del piacere. Eppure tutti mi chiedono: perché non cerchi di guadagnarci?? Si può avere semplicemente uno spazio proprio non legato ad altro? Per me si…un abbraccio cri

  • Reply
    Tantocaruccia
    3 ottobre 2013 at 14:15

    D’accordo, senza la durezza e la purezza dell’ipocrisia.. nel senso che io di collaborazione ne ho una, con un’azienda che mi piace, ma non mi sognerei mai di chiederla per un prodotto che non mi piace.. e comunque averla o no mi cambia poco la vita:D
    odio i blog pieni di pubblicità.. questo da morire!
    A presto:*

  • Reply
    lagreg74
    3 ottobre 2013 at 16:07

    Mi sembra troppo scontato scrivere che la penso come te ma forse più che le nostre parole impresse qui parlano i nostri blog per noi!
    Ciao
    Silvia

    (Comunque delizioso questo pesto)

  • Reply
    Roberta Morasco
    3 ottobre 2013 at 17:49

    @Monica: ciao!! Io so che tu hai capito cosa intendevo, non ce l’ho con le ‘collaborazioni’ a priori..ché poi chiamarle collaborazioni è pure sbagliato secondo me…ma so quello che intendi e condivido! Per la libertà, hai ragione, basta che non vengano a pestarmi i piedini qui dentro però! Eh eh eh bacini amica!!!
    @Anastasia: grazie Any, mi fa piacere tu condivida il mio sfogo…nonmi piace essere polemica e rompere, soprattutto nel blog, vorrei fosse uno spazio ‘felice’..ma ci sono giorni in cui uno si rompe e sbotta, ecco. Ti abbraccio!
    @Anna: Lo so Anna, si sente che sei così! E mi piaci!
    @Damiana: sai che io ricambio tutto nei tuoi confronti? Io ricordo ancora un tuo post quando ero agli inizi e mi sono detta, ‘Questa è davvero tosta!’…si parlava delle blogger ‘famose’ che snobbavano quelle appena arrivate…ti ricordi? Ti abbraccio forte forte!
    @Mary: beh, dire che ti apprezzo molto è riduttivo Mary??? Sai quanto ti stimo, per la tua franchezza, coraggio e anche bravura…anch’io sono felice che siamo così, e siamo tante. 😉
    @ Roberta: Ciao!! Mi sono sentita di fare riferimento al post di Chiara Maci, perché mi aveva molto colpita a suo tempo e l’ho cercato per rileggerlo…così, era collegato un pochino alle mie riflessioni di questi giorni..ti abbraccio!
    @Edvige: hai fatto bene a dilungarti e adire ciò che pensi. Io lo apprezzo molto. Se non è uno scambio il blog cos’è? Cosa deve essere? Per me è questo per altri non lo so…io i commenti li leggo con attenzione, rispondo con calma, e ti ripeto, grazie delle tue parole. Io non sono contro le collaborazioni sai, l’ho anche specificato, ma mi premeva specificare il mio disappunto per un certo modus operandi di aziende che mi contattano e blogger che accettano…un pensiero, uno sfogo…poi guarda, ormai in TV tutti cucinano e io capisco pure gli CHEF, quelli veri, quelli che si sono fatti un chiulo così a scuola e nelle cucine poi, che criticano un po’ questo mondo…non hanno mica tutti i torti…la vita nelle cucine, quelle vere, credo siamo tutti d’accordo, è ben altro. Su Chiara Maci, ti dico la verità, può essere simpatica o meno, e a me piace. Ha creato il suo lavoro cavalcando l’onda del momento certo, il blog le è esploso in mano come ha scritto lei, criticarla per questo?..Io no, e a me ripeto, è simpatica, punto. Ecco hai visto ti sei dilungata tu, ma io non sono stata da meno eh!…ahahaha…

  • Reply
    Roberta Morasco
    3 ottobre 2013 at 17:49

    @Babe: è vero Babe. Io di scorciatoie non ne ho mai cercate, mi hanno insegnato a non cercarle. Ti abbraccio anch’io!
    @Elle: ecco, vedi che le mie amiche mi capiscono? Grazie dell’abbraccio nonostante la rompiballitudine 😉 <3 ti abbraccio anch’io!
    @Eli: si in effetti anch’io pensavo tu fossi un po’ troppo snob Eli….ahahahaha….Il tuo blog è un bellissimo e creativo MISCHIONE, a me MI piace! in quanto al lavoro, credimi, i tuoi auguri li tengo stretti stretti…intanto lunedì torno a scuola!!! Yeeeee…
    @Enrica: Mi fa piacere tu abbia apprezzato…temevo di essere stata un po’ troppo impulsiva…e che qualcuno potesse fraintendere, ma credo che chi mi conosce un pochino capisca il mio intento…non fa parte della mia persona giudicare in genere…era davvero una riflessione scaturita da alcune cose accadute negli utlimi tempi…bacini!
    @Dani: nemmeno io cerco la visibilità a tutti i costi Dani, e quando ricevo mail che ne parlano mi viene un attacco di orticaria…machissene…almeno qui dentro possiamo essere libere di dire e fare ciò che vogliamo, la vita là fuori è già tutta un ‘dovere’ ecchecacchio! Baciotti anche a te!
    @Valentina: si noi ne abbiamo già parlato e sappiamo bene il nostro pensiero com’è! Tu fai bene Vale, certe aziende sono meritevoli e vale la pena di parlarne e provare i loro prodotti, anch’io ho parlato dell’abbattitore anche se non me lo hanno regalato affatto. Condivido tutto quello che hai scritto, i follower anche a me interessano se sono ‘persone’ che mi leggono davvero, con le quali ci può essere a volte uno scambio, altrimenti è tutto fumo…e nient’altro. E pure per me la cosa più bella del blog sono le amicizie, VERE, nate grazie a lui…voi. Baci!
    @Federica: ahahaha…non sono troppo rompi Fede??? A volte mi rompo da sola..ahahaha…è venuta un po’ anche a me la crisi da blog, ‘na fatica scrivere, capita, poi passa. Ti passa vero??? 😉
    Condivido tutto Fede, io non riuscirei ad avere scadenze, tipo le 3 ricette al mese o qualcosa del genere, ma nemmeno critico le blogger che lo fanno…se arrivasse una mail da aziende che io stimo e delle quali uso magari già i prodotti farei i salti, ma più per la possibilità di saperne di più, non tanto per avere i prodotti gratis…per dire, mi darebbe più soddisfazione poter visitare il sito produttivo che altro…sei bella ragazza! Ma questo io già lo sapevo! 😉 Baci
    @Vale: grazie amica mia…bacini!

  • Reply
    Roberta Morasco
    3 ottobre 2013 at 17:50

    @Vaty: grande nel senso che sono alta un metro e ottanta???…ahahaha…Vaty, sai che io non mi ci sento grande in quel senso, affatto. Lo so, lo so!!! L’ho vista mannaggia!! Ma volevo lasciarti la sorpresa!!! Ahahaha….mi fai morire! <3
    @Monica: sai che me lo aveva messo un’amica adsense? Poi ho fatto come te, levato. Non ci capisco nulla ma non mi andava affatto l’idea di non poter decidere cosa schiaffavano sul mio blog…La penso come te, per me la libertà di espressione è tutto ma il modus di alcuni blog certo penalizzano altri…speriamo che le cose cambino Moni…Tvb anch’io e la voglia di riabbracciarti tanta!
    @Laura: Grazie laura e benvenuta!!
    @Alice: ecco, io come te, ma come dici tu difficile che accettino! E noi facciamo lo stesso no? Almeno questo spazio ce lo gestiamo come meglio crediamo!! Grazie! Baci Alice!!
    @Letizia: grazie !! 😉
    @Sandra: grazie a te per le tue parole Sandra, speriamo davvero che i tempi siano maturi per un cambiamento..baci!!
    @Federica: hai ragione Fede, ma noi ci conosciamo ormai un po’, i nostri blog li conosciamo…ma non siamo tutti così, ripeto piena libertà, ma poi credono che tutti i blog siano uguali e credono di poterti offrire il ‘famoso pacco di farina’…ecco, io no.
    @Cristiana: ecco, dici bene Cristiana, nemmeno io lo voglio vivere come uno stress…questo è il mio spazio di libertà, quindi niente pressioni, niente link se non li voglio mettere io. Le domande che fanno a te spesso le fanno anche a me..ormai tutti pensano solo ai soldi…oddio dovrei forse pensarci anch’io ché sono disoccupata…ma me li guadagnerò i soldi, come ho sempre fatto da quando sono uscita da scuola, LAVORANDO. Ti abbraccio, grazie di essere passata!
    @Claudia: E fai bene Claudia! Io mica sono contro le collaborazioni, vorrei davvero fosse chiaro.. Anch’io sono una consumatrice e di aziende che amo ce ne sono molte, se mi capitasse l’occasione con una di queste perché no! Il mio come dicevo più sopra era uno sfogo perché mi deprime ricevere certe mail e/o commenti di altre blogger…forse dovevo specificare di più ma sarebbe stata ‘na cosa troooppoo lunga.. bacioni!
    @Lagreg: hai ragione parlano i blog per noi!! Sei forte, baci!

  • Reply
    Gabila Gerardi
    3 ottobre 2013 at 18:25

    Ma tu stasera con questo post fantastico cadì proprio a figliolo di dice a casa mia!!!!! Sottoscrivo tutto ciò che hai detto, mi dimostri ogni giorno che sei come io ti credo e che starei a casa tua tutti i giorni!!! Ho le palle piene di gente falsa che vuole solo approfittarsi del prossimo ma da oggi si cambia registro, io dritta per la mia strada e a chi non sta bene si può anche togliere di mezzo!!!!! Voglio cucinare, fare l’ amore e amare il prossimo …..solo questo, tutto il resto lo lascio fuori…tu vieni con me però !!!! Tvb Roby, donna con le palle quadrate, anche questo di dice a casa mia!!!!!

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    3 ottobre 2013 at 19:20

    ciao cara anzi, gau cara! 🙂
    mordi in questo post eh? 😉
    io che qualche collaborazioen ce l’ho mi sento cmq eticamente a posto con me stessa perchè sento di poter scegliere io a chi dire sì e a chi dire no (tipo un’azienda che fa dadi e una che fa formaggini…) a me non dispiace selezionare delle realtà che credo producano elementi di qualità. la cosa importante secondo me è fare ciò he si fa con convinzione e dedizione. ti abbraccio

  • Reply
    Patrizia Monica
    3 ottobre 2013 at 21:36

    Sai Roberta non ti considero affatto rompipalle anzi mi è piaciuto molto leggere il tuo post.
    All’inizio che io e mia sorella Monica, abbiamo deciso di aprire un blog lo abbiamo visto semplicemente come un angolo tutto nostro dove poter condividere quello che più ci piaca fare: cucinare! non abbiamo mai pensato a farlo diventare un lavoro e quello che più ci è piaciuto e conoscere virtualmente tante care persone: tu sei una di quelle!
    Un abbraccio vero come tra amiche e buonanotte
    Patrizia

  • Reply
    Azzurra
    3 ottobre 2013 at 21:37

    cara amica….condivido in pieno tutto ciò che dici!!!!
    un bacio continua con questa etica, salvaguardala ne vale proprio la pena!!!
    un abbraccio tesoro

  • Reply
    Cri
    4 ottobre 2013 at 1:31

    Ciao Roby,
    mi aggiungo alla lunga lista di commenti, già ho espresso la mia totale condivisione con quanto scrivi in altra sede :-), collaborazioni si…collaborazioni no…quell’azienda sii o no…
    l’importante è essere seri e coerenti senza per questo essere bocchettoni o intransigenti.
    E tu sei seria e coerente, da molto ti seguo e mi piace ciò che scrivi e mi piace anche il tuo humor.
    Buona notte, un bacione.
    Cri

  • Reply
    Roberta Morasco
    4 ottobre 2013 at 8:15

    @Gabila: ma, non lo so…credo sia stato pure male interpretato..io sono per il VIVI E LASCIA VIVERE, ed era rivolto più ad aziende e blogger poco delicate che piombano qui a chiedere in modo brutale a chiedere cose…vabbé, io dico quello che penso, e me ne frego, chi mi conosce sa quello che intendo e come sono. TIE’. ti abbraccio bella bionda….o rossa???? 😉
    @Elena: ma no Elena…l’ho scritto pure ben chiaro che non sono contro le ‘collaborazioni’ e tu fai benissimo a scegliere di parlare e utilizzare marchi che ritieni etici e meritevoli, lo farei anch’io, per mia scelta, come te. Detto questo, giuro, NON MORDO..eh eh eh..baciotti!
    @Patrizia Monica: mi fa piacere abbiate compreso e condividiate. Vi confesso che io non critico nemmeno chi dal blog aspire a far saltare fuori un lavoro. Io vedo tante amiche blogger molto brave che secondo me potrebbero insegnare in una scuola o fare altro nel settore cucina/pasticceria, ed è un vero peccato non lo facciano. Baci, grazie!
    @Azzurra: grazie Azzurra, davvero. Baci!
    @Cri: si lo so Cri, so che hai capito. Infatti è proprio questo quello che intendevo. Se c’è una persona che non è bacchettona affatto quella sono io. Libertà assoluta. Il mio post riguardava cose successe a me, ed era diretto ad aziende e blogger che mi chiedono cose con scambi del ‘cacchio’…ecco. Volkevo fosse chiaro che io non baratto l’etica con una scatoletta di tonno di Fukushima.
    Se ne stessero a casa loro. punto.
    Ti abbraccio forte forte!

  • Reply
    Silvia M
    4 ottobre 2013 at 9:51

    Ciao Roberta,
    che bello leggere questo tuo post, io la penso esattamente come te, e il mio blog voglio che sia un divertimento, per me stessa e per gli altri, non un lavoro e non un supermercato.
    Mi urtano un po’ quelli pieni di pubblicità, ma come te penso che è giusto che ognuno faccia quello che crede, certamente a me un post pieno di nomi di marche e prodotti da poca fiducia e tendo a non consultarlo, mi passa anche la voglia di lasciare commenti.
    Poi c’è tanta di quella gente convinta, che si sente fighissima solo perchè ha un blog (infondo non serve essere dei geni)e sembra che viva solo per quello, facendo propaganda a se stesso a più non posso e facendo apparire ogni stronzata come se fosse una grandissima soddisfazione “professionale”.
    Ma questo è un altro discorso…
    Forse in futuro darò anche io dei consigli a chi m legge, per esempio da qualche mese ho scovato per caso una farina veramente eccezionale per panificare, finora non ho mai specificato il produttore ma confesso di averci pensato perchè è veramente valida e mi ha entusiasmato.
    Sono indecisa perchè comunque mi da un po’ fastidio l’idea anche se in questo caso sarebbe più una mia “selezione”.
    Tu che ne pensi?
    Ciao!

  • Reply
    Roberta Morasco
    4 ottobre 2013 at 10:32

    @Silvia: guarda mi trovi sulla tua stessa posizione..in uno dei post precedenti ho parlato di farina tipo 1 e più di qualche amica mi ha chiesto dove la trovo, ed ho preferito comunicarlo in privato. Che dirti? Forse sarebbe comunque giusto dire quello che si pensa, il proprio parere, liberamente e senza vincoli di alcun tipo. Comunque fai ciò che ti senti, il blog è il nostro spazio, non diamo indicazioni su cosa fare e come mangiare, è solo il nostro diario in cucina, io e so nemmeno tu hai queste pretese di insegnare agli altri, io per prima mi metto con molta umiltà nella condizione di imparare. Non fosse così non sarei tornata a scuola.
    Invece in giro nel web ce n’è un sacco di gente che ha la pretesa di sapere tutto e un corso non l’ha mai fatto…forse è per questo che ad alcuni chef i blog di cucina fanno venire l’orticaria…
    baci! Roby

  • Reply
    Alice - Operazione fritto misto
    4 ottobre 2013 at 10:39

    Da quanto non venivo da te 🙂 con il reader diverso mi sono persa tutti i blog che seguivo!

    E questo post lo apprezzo moltissimo. Qualche tempo fa ne ho scritto uno similissimo.
    La penso ancora così, come te.
    E’ difficile farsi conoscere (non forzatamene per trovare un lavoro), perchè il mondo dei blog è “duro”.
    Sembra una cavolata ma è così.

    Tutti (non generalizziamo, molti) sono alla ricerca di visibilità. E la trovi con commenti in serie, unendoti a blog a caso. Avendo tanto tempo.

    Ho conosciuto questo mondo on-line circa 6 anni fa, e mi era piaciuto.
    Ci sono entrata poco più di un anno fa, e per quanto adori avere un blog, mi rendo conto che non è più come prima.

    Quel che mi spiace tanto è che non saprò mai se non sono seguita molto perchè non piacciono i miei “contenuti” (quanto apprezzerei una bella critica sincera), o se sia la mia incapacità di lasciare commenti e diventare follower in blog che non trovo belli/stimolanti/ricchi.

    Credo che alla fine sia il dubbio di chiunque abbia un blog per passione e voglia di comunicare qualcosa.
    Ma se c’è la passione, si va avanti anche da soli 🙂
    Un abbraccio…

    Alice

  • Reply
    Roberta Morasco
    4 ottobre 2013 at 13:03

    @Alice: ciao!!! ma che bello ritrovarti, anch’io mi sono persa di vista il tuo blog, ma adesso ci siamo ritrovate!
    Mi fanno davvero piacere le tue parole Alice, e condivido quello che hai scritto, io lascio commenti ai blog che mi piacciono, alle persone che stimo, per parlare del post che leggo, se non ho tempo di leggere di solito ritorno perchè non mi va di scrivere commenti a casaccio, giusto perchè spero vengano anche da me..ma tanti fanno così e questo mi dà fastidio una cifra.
    Grazie per essere tornata, adesso vengo da te! 😉 abbraccio sinceramente ricambiato!

  • Reply
    Daiana Molineris
    4 ottobre 2013 at 14:27

    Complimenti,ottima ricetta e delizioso blog!!!:-))
    Buon week end

  • Reply
    Carmine Volpe
    5 ottobre 2013 at 15:20

    per me puoi fare come meglio credi, quello che conta e la coerenza, esempio se dici di essere vegetariana, perchè devi pubblicare ricette di carne?
    io mi gooso questo piatto deliziosissimo

  • Reply
    Roberta Morasco
    5 ottobre 2013 at 17:48

    @Daiana:grazie e Benvenuta!!
    @Carmine Ahahahahah..grazie Carmine..nn ho capito quella dell’essere vegetariani..era un esempio vero?…io nn sono vegetariana..nn ancora almeno..:-) baci!!

  • Reply
    Chiara Giglio
    5 ottobre 2013 at 19:08

    sarò sintetica come sempre…Condivido parola per parola ! Continua così che vai benissimo…quella pasta so già che finirà presto sulla mia tavola, magnifica ! Buon we cara, ti abbraccio !

  • Reply
    Roberta Morasco
    6 ottobre 2013 at 10:01

    @Chiara: Sintetica ma incisiva carissima Chiara! Grazie, davvero. Ti abbraccio anch’io!!!

  • Reply
    Sara Drilli
    6 ottobre 2013 at 13:25

    Mi cara…te l hanno già scritto quasi tutte ed allora NON mi ripeterò! 😀
    Come scrivi tu…potrebbe essere ECONOMICAMENTE interessante un po’ di pubblicità, in un periodo di COSTI ELEVATI DELLA VITA..ma poi uno ci pensa (io) e dice…maCHEMEFREGA! 😀 Comprerò un paio di scarpe in meno qst anno, ma scriverò e cucinerò senza condizioni…OGNUNO LIBERO DI FARE DIVERSAMENTE,INTENDIAMOCI! io faccio già fatica quando mi dicono…DAI COSA CI CUCINI!? O.o UN ABBRACCIO E AGGIUNGO…la dose QB è LA MIA PREFERITA! Proprio perché lascia TUTTA la libertà nell’esecuzione,davvero! PECCATO non si possa fare anche con i dolci :((
    un bacione

  • Reply
    Loredana
    6 ottobre 2013 at 20:25

    Ciao ROberta, con questo post non puoi che trovarmi perfettamente in linea, mio padre, oltre alle parole che hai elencato, mi ha trasmesso anche il senso del dovere, che continua a condizionare tutta la mia vita, ma di cui lo ringrazio.
    Ognuno è libero di scegliere che strada percorrere, non me la sento di giudicare chi sceglie quello che io ho volutamente non scelto.
    Continua sulla tua strada che mi sembra giusta e da seguire e vedrai che porterà i suoi frutti.

    Grazie per la tua visita
    Alla prossima

    Loredana

  • Reply
    ristoranti italiani
    9 ottobre 2013 at 8:12

    Voglio provarla anch’io!!
    Grazie per la condivisione!

    http://restaau.it/Browse/miglior-ristoranti-italiani-a-roma.html

  • Reply
    Cinzia
    9 ottobre 2013 at 16:18

    Bellissime parole, cara Roberta, e onore al merito di averle espresse, con eleganza molto stile. Anch’io ti condivido in pieno, non amo essere legata a qualche marchio. E se ho parlo a volte di un prodotto con relativo marchio è sempre perché lo ritengo meritevole di semplice passaparola esattamente come si potrebbe fare al telefono con l’amica.
    E vogliamo parlare di etica?
    Brava, brava! Grazie 🙂

  • Reply
    Erica Di Paolo
    9 novembre 2013 at 9:56

    Accipicchia Roberta, scorro i tuoi infiniti piatti deliziosi e ne scelgo uno. Non so cosa mi abbia portato su questo, ma su questo ho cliccato e cosa trovo? Uno spaccato eccezionale! L’ho apprezzato al di là delle scelte che uno possa sentirsi libero di fare. L’ho apprezzato perché è la constatazione che qualcuno che ancora crede nell’etica, e che a pane ed etica c’è cresciuto (magari anche con una rigidità che oggi è denunciabile), c’è…. esiste….. vive!! E la cosa bizzarra è che ci si stupisce di questo. Insomma, io non solo inizierò a seguirti nelle tue prelibatissime creazioni culinerie (questa pasta…. meravigliosa!! Anacardi? Impazzisco), ma assorbirò il tuo modo di essere vera, semplice e genuina. Brava, mi piaci!! ^_^
    Un abbraccio e buon weekend.

  • Leave a Reply